Premio Dardanello Giovani

Dardanello giovani: “Il mio Giro”

L'Associazione “Piero Dardanello” e RCS indicono la prima edizione del concorso “Il mio Giro” nell’ambito del progetto “Dardanello giovani.” L’iniziativa è rivolta agli  studenti di età compresa tra i 16 e i 20 anni della Provincia di Cuneo e ai giovani di tutta la penisola di età compresa fra  i 21 e i 25 anni.

 

Il tema del concorso  sarà il ritorno del Giro d'Italia sulle montagne piemontesi, in particolare nel Cuneese, patria di Eugenio Camillo Costamagna, detto “Magno”, tra i padri fondatori della Gazzetta dello Sport (1909) e quindi promotore del Giro. 

 

Si intende stimolare i ragazzi alla scrittura critica e creativa di un articolo giornalistico, offrendo loro la possibilità di misurarsi con lo strumento giornalistico forse più diffuso: la notizia di agenzia. All’origine dell’articolo non c’è il giornalista, ma la fonte. Tutti gli organi di informazione fanno uso delle fonti per completare la propria produzione giornalistica.

 

Gli anglosassoni ci hanno tramandato il tradizionale modello delle cinque “W”, costituito da cinque interrogativi: Who? What? Where? When? Why? (Chi? Che cosa? Dove? Quando? Perché?) che dovrebbero trovare risposta sin dalle prime righe dell’articolo. In concreto, però, come si può comunicare una notizia? Bisogna per prima cosa definire il protagonista del fatto? In che modo devono essere presentate le cause e le modalità in cui si è svolto? Che ruolo ha il titolo? Si può essere obiettivi? Quanto influisce lo stile sulla chiarezza dell’articolo?

 

Ai partecipanti al concorso verrà chiesto di elaborare una stessa informazione in due modi diversi partendo da un servizio di agenzia battuto dall’ANSA: l’articolo dovrà essere differente nel titolo, nel taglio, nella forma, nella struttura e nello stile.

 

Il bando sarà diffuso fra i giovani di tutta Italia tramite la pubblicazione del regolamento sul sito dell’Associazione e la successiva divulgazione agli organi di stampa quali quotidiani sportivi, agenzie di stampa e organi di informazione online. Per gli studenti tra i 16 e i 20 anni il bando verrà divulgato nelle scuole superiori della provincia di Cuneo previa autorizzazione del Provveditorato agli studi.

 

La fase finale del concorso verrà accolta con una Mostra che organizzata nel Palazzo di Città di Mondovì Piazza. Una serie di immagini concesse in accordo con RCS, organizzatrice del 

Giro, con oggetto le imprese sportive ciclistiche sulle Alpi Marittime: i pannelli esposti celebreranno idealmente l'arrivo della tappa e la storia della manifestazione.

 

Nel fine settimana antecedente la tappa del Giro – prevista per il 24 maggio - verrà organizzata  una conferenza stampa in Palazzo di Città in cui si sveleranno  i nomi dei vincitori chiamati poi  alla premiazione ufficiale sul podio del Giro di Prato Nevoso.

 

Durante la conferenza stampa verrà presentato una pubblicazione con le immagini della Mostra e i testi dei vincitori, oltre ad una prefazione importante firmata dai giornalisti componenti della Giuria del premio.

Riportiamo qui di seguito il Regolamento del concorso.

 

1. Sul sito dell'Associazione Dardanello (www.associazionedardanello.it) sono pubblicati i lanci di agenzia inerenti il tema centrale del concorso - il Giro d'Italia nelle sue tappe piemontesi - suggeriti ai partecipanti dalla Giuria.

 

2. I partecipanti dovranno scegliere una notizia e redigere due articoli che, pur mantenendo invariata la notizia, presentino un taglio, un titolo e un’impostazione differente. Ogni articolo non dovrà superare le 40 righe di 60 battute.

 

3. Sono previsti due categorie di concorrenti: studenti fra i 16 e i 20 anni degli Istituti superiori della provincia di Cuneo e giovani fra i 21 e i 25 anni di tutta Italia.

 

4. Ogni lavoro dovrà essere corredato di nome, cognome, data di nascita, indirizzo, mail, numero di telefono del concorrente e scuola di appartenenza (per quanto riguarda la categoria degli studenti).

 

5. I testi dovranno pervenire entro il 30 aprile 2018 a: Associazione Piero Dardanello “Il mio Giro”, via posta ordinaria presso Esedra - Via Torino, 43 – 12084 Mondovì (Cn) o via mail all’indirizzo segreteria@associazionedardanello.it

 

6. Una giuria, composta da Paolo De Paola (Direttore Tuttosport), Pier Bergonzi (vicedirettore Gazzetta dello Sport), Roberto Beccantini (presidente onorario Premio Dardanello) e Raffaele Sasso (presidente del Collegio dei Revisori dei conti dell'Odg del Piemonte) sceglierà i tre migliori articoli per categoria. 

 

7. I contributi riconosciuti saranno i seguenti:

 

CATEGORIA STUDENTI FRA I 16 E I 20 ANNI DEGLI ISTITUTI SUPERIORI DELLA PROV. DI CUNEO

 

  • Primo articolo classificato                 250,00 €
  • Secondo articolo classificato            150,00 €
  • Terzo articolo classificato                 100,00 €

 

Alla scuola del vincitore del primo premio sarà riconosciuto un ulteriore contributo di 500,00 €

 

 

CATEGORIA GIOVANI FRA I 21 E I 25 ANNI DI TUTTA ITALIA

 

  • Primo articolo classificato                 500,00 €
  • Secondo articolo classificato            350,00 €
  • Terzo articolo classificato                 150,00 €

 

8. I vincitori del concorso avranno inoltre la possibilità di assistere all'arrivo della tappa di Prato Nevoso, muniti di pass stampa. Agli stessi verrà dedicata una cerimonia di premiazione ufficiale sul palco del Giro d'Italia.

 

9. I testi resteranno a completa disposizione dell’organizzazione e non saranno restituiti. I giovani concorrenti, accettando senza condizione il presente regolamento, concedono, sin d’ora, i diritti di pubblicazione all'Associazione Piero Dardanello

 

10. La partecipazione al Premio da parte degli autori implica l’accettazione delle norme del presente bando. Per tutto quanto non contemplato nello stesso è competente a deliberare l’Associazione Piero Dardanello che organizza e promuove la manifestazione.

Banca Alpi Marittime

Lanci ANSA

GIRO: PICCOLI E ZUELLE, GRAZIE AI VELOCISTI
(ANSA) - CUNEO, 17 MAG - Alex Zuelle incassa la seconda maglia rosa e sgattaiola in albergo. ''Che meraviglia...''. Lo svizzero sorride sotto gli occhiali. Altre ventuno giornate cosi' e la maglia rosa di Milano non puo' sfuggirgli. Anche perche' oggi tutti fanno a gara a lasciargliela. Altro che furibonde lotte... I primi 162 chilometri in linea del Giro vanno in archivio con la vittoria di Mariano Piccoli che coglie la resa dei velocisti, autopuniti da un furibondo inseguimento di quaranta chilometri. Sul traguardo esultano in due: Dino Zandegu', ds della Brescialat che paga lo stipendio di Piccoli, e Bruno Roussel, ds della Festina. Musi lunghi, invece, per gli sprinter, messi in fila non tanto dal trentino amico di Fondriest ma da Michele Bartoli.
Il pisano guadagna 8'' di abbuono e sale al quarto posto della generale, a 12'' da Zuelle. E 12'' e' il peso dell'abbuono per la vittoria. Basterebbe vincere domani, nei 160 chilometri che da Alba finiranno ad Imperia (con il passaggio sui 'Capi' che fa tanto suggestione Sanremo) e prenderebbe la maglia allo svizzero. La tappa sarebbe di quelle perfette per il re di Liegi. Ma se e' per questo anche oggi doveva essere giornata ideale per i grandi sprinter. Invece Mario Cipollini fa la volata solo per onor di firma (s'era staccato sulla prima salita) tanto che non aveva fatto lavorare la sua Saeco quando si trattava di inseguire Bruseghin, Gualdi e Bettini.


CICLISMO: SUL COLLE FAUNIERA UN MONUMENTO A MARCO PANTANI
CONQUISTO' LI' LA MAGLIA ROSA NEL '99 CON UNA FUGA STRAORDINARIA

(ANSA) - TORINO, 10 MAR 2004 - Un monumento a Marco Pantani verra' installato sul Colle Fauniera, nel Cuneese, a quasi a quota 2.500 metri. L' opera, un busto in marmo nero di Ormea realizzato dal romeno Olaru Benone, sorgera' al culmine di una salita fra le piu' note tra gli appassionati di ciclismo. Sul Fauniera, il ''Pirata'' riconquisto' la maglia rosa al giro del '99 grazie a una fuga entrata nella storia. ''Ed e' per questo - dice Ferruccio Dardanello, direttore del club che ha promosso l' iniziativa, il Col Cuneo - che abbiamo voluto ricordarlo cosi'''.
Il monumento verra' presentato ufficialmente il 15 aprile al teatro sociale di Alba (Cuneo) in occasione della conferenza stampa che illustrera' la prima tappa in linea del Giro 2004, la Genova-Alba, di 149 km. (ANSA).


GIRO: SAVOLDELLI, SONO SCESO A 100 ALL' ORA
(ANSA) - BORGO SAN DALMAZZO (CUNEO), 29 MAG 1999 - ''Sono sicuro di essere sceso almeno a 100 chilometri orari. La discesa era molto tecnica, poche curve difficili e molti rettilinei, ho rischiato di scivolare due volte per il pietrisco, ma quando vuoi guadagnare devi prendere dei rischi''. Cosi' Paolo Savoldelli racconta la sua impresa costruita lungo la discesa della Fauniera. Ma il bergamasco e' felice soprattutto per come e' andato in salita. ''Questa vittoria e' nata soprattutto in salita perche' nel tratto piu' difficile ho perso poco e in discesa ho potuto recuperare''.
La sua faccia da bravo ragazzo sorprende. La vittoria gli permette di scoprire che cosa e' la conferenza stampa dopo un successo al Giro. ''Me ne avevano sempre parlato e finalmente ho visto anche io di cosa si tratta e sono felice''.
Savoldelli non pensa alla classifica: ''Guardate le prossime tappe, domani si arriva in salita e perdero' secondi e anche le altre tappe non mi si addicono. Mi dispiace che non ci sia piu' Frigo dopo la caduta. Oggi chi andava meglio tra noi due sarebbe diventato la punta della squadra''.
A chi dedica la vittoria? ''Mi verrebbe da dire alla fidanzata, ma lei mi sopporta solo da 8 mesi, quindi dico la famiglia che mi sopporta da una vita''. (ANSA).


GIRO: CAVENDISH VINCE A CERVERE, è LUI IL RE DELLO SPRINT
Nella tappa piemontese Rodriguez resta rosa. Da domani i monti

(ANSA), CERVERE (CUNEO), 17 MAG 2012 - Mark Cavendish non ha fallito l'appuntamento con lo sprint vincente,sull'interminabile rettilineo di Cervere (Cuneo), che per la prima volta ha ospitato il Giro d'Italia. Il britannico aveva gia' vinto a Herning e a Fano; si e' ripetuto, al culmine di una volata molto veloce, che ha tenuto col fiato sospeso pubblico e addetti ai lavori. Uno sprint che ha esaltato la potenza di un atleta che, in questo momento, non ha avversari in un certo tipo di arrivi.


GIRO: CUNEO ABBRACCIA NIBALI
I complimenti di Malagò a colazione, oggi campione usa bici rosa

(ANSA) - CUNEO, 29 MAG 2016 - Accoglienza calorosa a Cuneo per Vincenzo Nibali, alla vigilia della 21/a e ultima tappa, da Cuneo a Torino, che lo consacrera' vincitore del Giro d'Italia.
Centinaia di tifosi hanno atteso sotto la pioggia che la maglia rosa scendesse dal pullman dell'Astana per la firma del foglio di partenza accogliendolo con un boato. In precedenza Nibali aveva ricevuto in albergo la visita del presidente del Coni, Giovanni Malago', che si è complimentato con il campione siciliano per il successo al Giro. Con Malagò, che si è trattenuto a colazione con la maglia rosa nell' albergo dell' Astana, c'era anche il direttore del Giro, Mauro Vegni. A Torino Nibali riceverà l'abbraccio della sua famiglia. Per la gara di oggi la maglia rosa monterà in sella a una bici speciale tutta rosa e con la scritta "Nibali Giro Champion 2016".


GIRO ITALIA, DEDICARE TAPPA AL FONDATORE
Lo chiede San Michele Mondovì dove nacque Costamagna

(ANSA) - SAN MICHELE MONDOVI' (CUNEO), 25 MAG 2017 - Il Giro d'Italia 2018 faccia tappa a San Michele Mondovì, nel Cuneese, dove nacque e morì Eugenio Camillo Costamagna, detto "Magno", fondatore della Gazzetta dello Sport e dunque tra gli ideatori, nel 1909, della gara ciclista per eccellenza. A chiederlo è il paese intero, la famiglia e il sindaco Domenico Michelotti.
L'omaggio, inoltre,cadrebbe proprio nel centenario della morte di Costamagna. "Lo abbiamo chiesto già durante la presentazione del Giro 2016 al Teatro Toselli di Cuneo - spiega Michelotti - e lo ribadiamo ora". Il Giro è passato l'ultima volta a San Michele nel 2012 durante la tappa Savona-Cervere. Mentre la corsa volge al termine e Dumoulin, Quintana e Nibali si sfidano all'ultimo secondo, San Michele torna a rilanciare la sua proposta. Al momento l'appello è stato raccolto dalla Provincia, che si sta impegnando ad appoggiare la richiesta.

contatti

Puoi contattarci scrivendo una email all’indirizzo:
info@premiodardanello.it